Da Percedol a Samatorza

Il viaggio di oggi ci condurrà da PERCEDOL a SAMATORZA passando quindi per Monrupino, Rupingrande, Rupinpiccolo e Sgonico. Partiamo dal laghetto di Percedol, meglio definibile come stagno, è sicuramente il più conosciuto di tutto il carso e anche uno tra i più antichi. Già nell’Ottocento gli alunni delle Civiche Scuole Popolari di Trieste venivano  qui accompagnati in gita.  Assieme alla conca di Orlek (la più grande dolina del carso), al Boschetto e a Longera, questo luogo costituiva la meta preferita per lezioni destinate all’insegnamento di materie come geografia e scienze naturali, che si svolgevano all’aria aperta, rientrando nelle  cosiddette attività  “a carattere igienico”… poi storia e tradizioni di un percorso che si sviluppa in un territorio magicamente immerso nella natura.


TORNA INDIETRO