Storie

La rosa di Gorizia

12 Novembre 2022

Credo di averla mangiata al massimo un paio di volte perché non la si trova facilmente nelle osterie, bensì nei botteghini di frutta e verdura, eppure è così famosa da queste parti! La sua storia è lunga 150 anni ed il percorso che va dalla semina alla tavola è lungo e faticoso. La rosa di Gorizia si pianta con luna calante di aprile o al massimo quella di maggio. Ama il freddo e resiste alle basse temperature. Ciascun contadino produce da se i semi selezionando fra i radicchi migliori della propria produzione, grazie alle ultime piogge di primavera escono le prime foglie, in autunno si controlla la crescita dell’ortaggio ed infine si attende il freddo dell’inverno per la sua raccolta Sarà la brina infatti a renderlo resistente e a fargli mutare il suo colore da verde a rosso. La brina brucia le foglie esterne, il cuore si scopre quindi al freddo, le foglie restanti si attorcigliano creando la forma di un bocciolo di rosa. Foto © Lucio Ulian

You Might Also Like