Natura

Frittata di ortiche

31 Ottobre 2021

Si chiamava Vesna (e ancora si chiama Vesna Gustin) e fu la signora che, in un pomeriggio di primavera in cui con Guido andammo a registrare “Da Percedol a Samatorza” mi raccontò delle erbe aromatiche di cui il Carso, in fatto di utilizzo nella gastronomia, fa scuola. Ci divertimmo molto perché lei, simpaticissima, si bloccava ogni volta che cominciavamo a registrare. Fu un mezzo disastro e Guido si ritrovò a montare l’audio prendendo le parole dai diversi tentativi di registrazione, ricomponendole insieme per creare la ricetta della frittata con le ortiche.

L’ortica fino a quel momento l’avevo sempre pensata come una pianta infestante e inutile, mai avrei pensato fosse in realtà commestibile. In regione l’ortica si trova facilmente dalla costa al settore alpino, Carso incluso. “Urere” in latino significa bruciare, non a caso è una pianta nota per le sue proprietà irritanti. Eppure le sue foglie sono commestibili ma vanno assolutamente cotte!

Foto © Lucio Ulian

You Might Also Like